Domenica 14 Dicembre

Nuovo Teatro Comunale ore 18.00

ASPETTAVA NEL SOLE

Giovanna Marini & Coro Arcanto

Giovanna Marini: voce, chitarra
Giovanna Giovannini: direzione
Antonello Pocetti: movimento scenico
Gloria Giovannini: preparazione del coro
testi e musiche di Giovanna Marini
una produzione di AngelicA

Coro Arcanto:

Soprani:
Anna Mele, Bruna De Nisi, Chiara Passini, Elisabetta Miranda, Francesca Lateana, Gloria Guerra Gloria Giovannini, Katharina Rilling, Nadia Giogoli, Silvia Salfi, Vania Cappi
Contralti:
Cinzia Russillo, Cristina Cipriani, Franca Chiesa, Francesca Bruni, Lidia Atti, Marisa Anconelli, Michela Calizzi, Patrizia Giovannini, Rossana Franchi, Simonetta Gamberini, Valeria Giuliani
Tenori:
Alfonso Ciacco, Fabio Santachiara, Giuseppe Gasparre, Lorenzo Tedeschi, Marco Martino, Luca Mazzamurro, Simone Tedeschi
Bassi:
Enzo Baroni, Giorgio Franceschi, Giovanni Di Piazza, Loris Lepri, Mauro Caldari, Nicolò Masi, Valerio Bertozzi
Voci soliste:
Marisa Anconelli, Francesca Lateana, Giuseppe Gasparre, Silvia Salfi

 

Giovanna Marini, diplomata in chitarra classica, scopre negli anni ’60, in seguito all’incontro con Pasolini, Fo e Calvino, il canto sociale e la storia orale cantata. Seguono le collaborazioni con Il Nuovo Canzoniere Italiano e l’Istituto de Martino. Nel ‘76 forma il Quartetto Vocale, summa delle sue esperienze musicali: ricerca sui canti di tradizione orale, composizione strumentale e vocale, scrittura individuale e collettiva. Ha composto anche per cinema, teatro, balletto, coro. Insegna etnomusicologia.

Arcanto, diretto fin dai suoi esordi da Giovanna Giovannini, è il coro che porta in scena il più ampio repertorio di corale di Giovanna Marini, i tre progetti artistici commissionati da AngelicA e che raccolti in TRILOGIA PER BOLOGNA nel 2012 sono stati presentati al Teatro San Leonardo di Bologna per la prima volta in un'unica cornice temporale. Si tratta delle partiture scritte per il teatro "Musiche di scena": Oresteia di Eschilo, Troiane di Euripide, Turcs tal Friül di Pier Paolo Pasolini che hanno costituito il repertorio del progetto che nel 2004 ha fatto incontrare per la prima volta il Coro Arcanto con Giovanna Marini. Il secondo progetto: Le ceneri di Gramsci, Oratorio a più voci dal canto di tradizione orale al madrigale d'autore, opera realizzata sul poemetto pasoliniano, musicato da Giovanna Marini nel 2005 espressamente per questo coro in occasione del trentennale della morte del poeta, la cui prima assoluta del concerto in forma semi scenica, a cura di Giuseppe Bertolucci e Luisa Grosso, è andata in scena a Bologna il 2 novembre 2005.
Vocazione di Arcanto e della sua direzione è anche l'aggregazione di persone e cori nella creazione di eventi artistici che coinvolgono emotivamente e fisicamente il pubblico, grazie anche alla magia evocata dalla moltitudine di cantori che all'unisono partecipano nella musica, non solo con la voce ma con le mani, il corpo, il cuore: a questo proposito si ricordano i concerti-evento di Alvin Curran dedicati a John Cage: Thake the Cage train 2008 e Silenzio & Accordo, Smistamenti generali nell'ambito di CENTOCAGE 2012, a cura di Oderso Rubini e Massimo Simonini e promossi da AngelicA.

Giovanna Giovannini direttrice di coro, pianista accompagnatrice, cantante e insegnante di canto. Ha studiato oboe e composizione al Conservatorio di Bologna e si è diplomata come soprano leggero al Conservatorio di Padova. Come molti direttori compone brani in particolare per il suo coro, ma scrive anche musiche per il teatro e la televisione. Col canto si è dedicata a repertori di musica lirica, liederistica e contemporanea e ha partecipato a formazioni vocali e strumentali di musica medievale come Vox Vinnola e Chominciamento di Gioia di Roma e di musica barocca Concerto delle Dame di Bologna. Nel 1995 ha fondato a Bologna, insieme alla sorella Gloria Giovannini l’Accademia di voce Arcanto: scuola di canto e centro innovativo per la ricerca e il perfezionamento di cantanti, attori e professionisti che utilizzano la voce come strumento di lavoro. Dirige il Coro Arcanto dalla sua fondazione, con il quale ama sperimentare repertori e vocalità molto diverse fra loro, tenendo numerosi concerti e spettacoli in Italia ed all’estero. Dall'incontro con Giovanna Marini avvenuto nel 2004 promosso da AngelicA Festival di Bologna, nasce fra le due musiciste una speciale intesa artistica che porta Giovanna Marini a definire la direttrice del Coro Arcanto l'unica interprete capace di trasporre nel coro esattamente ciò che lei vuole, con la speciale capacità di cogliere fra le trame della partitura corale anche ciò che non è scritto.

 

Biglietti €10

Promozione PORTA UN AMICO attiva se si presenterà l'apposito coupon

A seguire

Slittamenti

Performance poetico-musicale

In Versione Limitata - ALL FRONTIERS 2014

C'è un principio di smottamento nelle sicurezze di ognuno di noi;
C'è un momento in cui ti senti sonnambulo di te stesso;
C'è un posto dove si incontrano idiozie, bellezze e speranze;
E c'è un tavolo dove il matto dei tarocchi ha sempre una storia da raccontare...

Eugenio Calzolari: ipnotizzerà il pubblico con le onde sonore del suo didjeridoo...

Leggeranno:

Alessandro De Mitri: percussionista e cantante dei Water Echoes, presenta liriche delle canzoni del gruppo in forma recitata con interferenze sonore.

Luigi Fulignot: insegna informatica e comunicazione.
Appassionato di Platone, scrive da parecchi anni dialoghi e racconti di bellezza, di filosofia e di leggerezza.
Racconterà la storia d'amore per i nasi lunghi degli uomini piccoli.

Giulia Mininel: Danzatrice e Coreografa, formatasi a Londra e in Austria, lavora con diversi coreografi italiani ed esteri.
Collabora a diversi progetti, con CSM di Gorizia, con Artisti Associati, con la Cantautrice Serena Finatti e Andrea Varnier.
Attualmente riveste il ruolo di direttrice artistica dell'associazione
Elever_Contattodanza Cormons.

Roberta Russi: Organizzazione e regia dello spettacolo SLITTAMENTI.
Poeta, scrive sia in lingua che in vernacolo; il primo libretto di poesie, BisiacLand, esce nel febbraio 2013.
Partecipa a numerosi Eventi quali Strofe dipinte di Jazz (Romans D'Isonzo) e  AbsolutePoetry (Monfalcone).

 

Nuovo Teatro Comunale dalle ore 21:00

 

URSUPPE-BRODO PRIMORDIALE (ITA)

 

di Alberto Boem e Davide Bevilacqua

 

 

Ursuppe è una performance audiovisiva basata su gelatina prodotta dall’alga “Agar agar” e oscillatori analogici ricoperti di resina trasparente, che insieme creano un ambiente sonoro imprevedibile e indefinito. L’Agar agar è un ingrediente usato in diversi ambiti che se disciolto in acqua e scaldato, forma una struttura semi-solida con caratteristiche fisico-chimiche stabili. Aggiungendo del sale, conduce elettricità.

 

La performance è basata su un sistema di blocchi di gelatina conduttiva e di moduli sonori, formati oscillatori elettronici e amplificatori incastonati in una resina epossidrica simile alla gelatina stessa. Questi elementi sono elettricamente interconnessi: la resistenza elettrica della gelatina modula le frequenze degli oscillatori; il suono prodotto viene poi iniettato di nuovo, sotto forma di flusso elettrico, all’interno del materiale organico. Il risultato è l’evoluzione imprevedibile e autonoma del suono.I performers modifican il flusso di energia elettrica e sonora alla scoperta e creazione di pattern musicali che emergono dal sistema. Una videocamera mostra l’azione dei performers, il loro agire sui materiali; e l’ossidazione e liquefazione di questi ultimi.

 

Nuovo Teatro Comunale dalle ore 21:00

 

LUCA KÉZDY (H)

 

LUCA KÉZDY, violino elettrico, electronics

 

 

Luca Kézdy è nata a Gyor nel nord-ovest dell’Ungheria dove ha studiato estetica e filosofia alla ELTE University. In campo musicale ha esordito molto presto aggiudicandosi, alla prima edizione del Violin Competition organizzato dalla radio nazionale ungherese, l’Audience Prize e posizionandosi tra i finalisti. Suona dal 2006 con il trio Santa Diver. Si è esibita ai festival di Mediawave, di Ultrahang e allo Sziget, nonché al Budapest Mol Jazz Festival e all’Hungarian Cultural Centres nelle sedi di Parigi e Bruxell. Ha spaziato fra molti generi tra cui il jazz, la libera improvvisazione e il pop. Ha suonato in diverse formazioni fra cui la Free Style Chamber Orchestra e con Zoltán Lantos, István Grencsó, Csaba Deseo, Frigyes Pleszkán, Zoltán Lantos, il Varga János Project, il 1724 trio, Valerie June, Erik Truffaz, Laurent Blondiau, Alexander Balanescu. Oltre a esibirsi in differenti formazioni conduce un intensa attività come solista per spettacoli teatrali.